I civic hackers di Wuhan2020

In questi giorni il corona virus ha raggiunto l’Italia ed ogni giorno arrivano informazioni, notizie e provvedimenti per trovare un rimedio a rallentare e superare questa difficoltà che si sta espandendo sempre di più.
Il termine ‘chiuso’ si accompagna a sempre più realtà: scuole, università, musei, palestre, strade …
Ciascuno di noi ha una sua reazione nel positivo e nel negativo.
La comunità dei civic hacker vuole contribuire ad aiutare.
Ed arrivano così tanti e bellissimi contributi: chi riesce a rendere i dati maggiormente fruibili con interessanti conseguenze come la creazione di mappe e analisi (che sicuramente hanno dato anche una spinta al rilascio ufficiale dei dati) o chi propone soluzioni per la didattica online attraverso guide o offrendo supporto.

Questo fa parte della natura del civic hacking e, quanto stiamo vivendo in Italia, c’è chi lo sta vivendo (e ne sta uscendo con successo), in Cina e, più in particolare a Wuhan.
Prima di fine gennaio 2020 pochi erano gli italiani che sapevano qualcosa di questa città da 11 milioni di abitanti e con una lunga storia alle spalle.
Purtroppo molti hanno guardato a quel luogo in maniera molto negativa, demonizzando, dando una interpretazione barbara delle immagini che arrivavano e alimentando la sinofobia dimenticando che le persone che vivono lì non sono molto diverse da noi, che molte delle storie che stiamo vivendo in questi giorni sono state vissute anche lì e in tutta la Cina.

Ed anche lì si è attivata una comunità di civic hacker dal nome Wuhan2020 che si distingue usando un logo con due cuori intersecati fra di loro per crearne uno nuovo.

il logo della comunità di wuhan2020

una comunità che si descrive con queste parole

Ciò che stiamo facendo è creare un servizio informazioni, aggiornato in tempo reale, relativo ad ospedali e supporto medico, attività produttive, servizi di approvvigionamento e molto altro. Allo stesso tempo, stiamo reclutando tutti coloro che desiderano dare un contributo alla campagna contro il coronavirus, in modo che tutte le persone che possiedono le adeguate competenze possano contribuire al lavoro di sviluppo nell’ambito delle tematiche ad esse pertinenti e quindi, in accordo con la cultura della comunità Open Source, al raggiungimento del successo attraverso un approccio di cooperazione autogestita.

testo da https://community.wuhan2020.org.cn/it-it/

parole che non ho tradotto io ma che ho trovato già tradotte direttamente sul sito ufficiale grazie al lavoro di 陈瑜Atena — una civic hacker della community

e così, con il motto

众志成城 共克时艰 — Tutti insieme uniti, ce la faremo !

hanno realizzato un sito web in grado di “[…] facilitare lo scambio di informazioni tra fornitori di risorse (donatori di risorse mediche e fornitori di supporto medico gratuito, società di servizi logistici, strutture alberghiere e di ristorazione, ecc.) e coloro che hanno bisogno di aiuto (ospedali ed altre strutture sanitarie, persone localizzate nelle zone colpite, ecc), in modo da facilitare ed accelerare il sostegno della popolazione nelle zone colpite.”
(testo dal sito ufficiale)

la comunità ha “ ha accolto più di 3000 volontari provenienti da diversi paesi. Ne fanno parte programmatori, product manager, progettisti, project manager, analisti dati, raccoglitori di informazioni, traduttori, operatori di comunicazione, studenti, ecc. Attraverso l’istituzione di un sistema informativo, l’analisi e la predizione dati, la community contribuisce alla lotta contro il nuovo coronavirus. “ (testo dal sito ufficiale)

Il servizio online — completamente in cinese — si presenta con una immagine evocativa: il logo della comunità di Wuhan2020, dove, le informazioni che riguardano la città — rappresentata dalle pagoda della Gru Gialla e i due ospedali Huoshenshan (火) e Leishenshan (雷) creati appositamente in tempi record — vengono raccolte e distribuite.

la pagina principale raccoglie informazioni sulle voce promesse dalla comunità:

  • dashboard con informazioni sull’epidemia (疫情)
  • situazione degli ospedali (医院)
  • servizi attivi per la logistica — trasporto merci (物流)
  • associazioni / enti di supporto a cui fare donazioni (捐款)
  • supporto informativo gratuito sul tema (义诊)
  • hotel adibiti a fornire spazio per la quarantena (指定接待酒店)

la pagina principale riporta un avviso sul trattamento dei dati, le risorse disponibili, il copyright e l’invito a segnalare errori o informazioni che possono ledere a qualcuno.

L’intero lavoro svolto è a titolo volontario e rimane aperto l’invito a partecipare allo sviluppo del progetto.

Per farlo è disponibile un canale Slack e uno spazio su GitHub ben documentato anche in italiano.

Tutto il processo di coordinamento è descritto da un workflow di lavoro che vede la raccolta dei dati, la loro validazioni e successiva pubblicazione su diversi strumenti di cui è rilasciato il codice.

La comunità non manca di crescere e, il desiderio di migliorare, passa anche attraverso la realizzazione di hackathon online.

Questa è una esperienza da cui la comunità italiana può attingere molto, replicare, espandere e migliorare.
Abbiamo già avuto l’importante esperienza di Terremoto Centro Italia creato da Matteo Fortini& Tempestini e ci sono già in atto alcune idee interessanti come la mappa dei negozi che offrono consegne a domicilio a Gallarate (VA) creata da Riccardo Saporiti su segnalazione stesa dei negozianti.

Tutti insieme uniti, ce la faremo!!!
众志成城 共克时艰

un ringraziamento speciale a mia moglie Lihua Ma nel supporto con il cinese e conoscere questa storia ;)

Originally published at https://de.straba.us on March 8, 2020.

--

--

--

fbk, openstreetmap, gis, neocartography, okfn italy, open data, open source, software libero, sociologia, trento, pallavolo, digital commons lab

Love podcasts or audiobooks? Learn on the go with our new app.

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store
Maurizio Napolitano

Maurizio Napolitano

fbk, openstreetmap, gis, neocartography, okfn italy, open data, open source, software libero, sociologia, trento, pallavolo, digital commons lab

More from Medium

My Summer with the Public Health Research Institute of India

THE WORLD NEEDS YOU TO MAKE MISTAKES

The Journey Of An Evolving Lady

Essay on Being and Moving and Such